Russia, Confagri: embargo alimentari costa a Italia 244 milioni

"Nel 2015 esportazioni si sono dimezzate rispetto al 2013"
Russia, Confagri: embargo alimentari costa a Italia 244 milioni
08 February 10:10 2016 Print This Article

L’embargo della Russia sui prodotti agroalimentari è costato all’Italia 244 milioni di euro nel 2015. È la stima del centro studi di Confagricoltura, secondo cui “il nostro paese, in seguito al divieto introdotto, ha subito una pesante riduzione delle esportazioni, che fra il 2009 e il 2013 avevano segnato in valore un aumento del 119% e che, nel 2015, si sono dimezzate (-244 milioni) rispetto al 2013”.

“Le conseguenze – spiega l’organizzazione agricola – del divieto di importazione di molti prodotti agroalimentari provenienti da Ue, Usa, Canada, Norvegia e Australia, istituito dal governo della Federazione Russa il 7 agosto 2014 e rinnovato per un ulteriore anno con decreto del 25 giugno 2015 (nuova scadenza 5 agosto 2016), ha avuto effetti pesantissimi, diretti e indiretti, per l’agroalimentare del nostro Paese”.

La Russia “rappresentava per l’Italia un importante mercato di sbocco per i prodotti agricoli e agroalimentari. Il valore dell’export agroalimentare (bevande escluse) era più che raddoppiato negli ultimi anni, fino a raggiungere nel 2013 (ultimo anno prima dell’embargo) i 485 milioni di euro”. Nel 2015, “primo anno soggetto interamente all’embargo, il valore risulterà dimezzato: 241 milioni”.

Eurasiatx/Askanews

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles