Astana Expo chiude e conquista 3,8 mln di visitatori

L'esposizione è arrivata al termine dopo tre mesi di costante attività e afflusso di pubblico
Astana Expo chiude e conquista 3,8 mln di visitatori
12 settembre 14:01 2017 Stampa

L’Astana Expo ha chiuso le sue porte lo scorso 10 settembre. Boom di 100mila visite per l’ultimo giorno dell’esposizione che, in tre mesi, ha conquistato 3,8 milioni di spettatori. L’evento, inoltre, si chiude con la soddisfazione di aver mostrato al pubblico oltre 140 innovazioni scientifiche nel campo delle energie rinnovabili.

“Più di 1.400 piccole e medie imprese hanno ricevuto ordini per servizi e beni per 1,9 miliardi di dollari, mentre decine di migliaia di persone hanno ottenuto nuovi posti di lavoro con buoni salari – ha dichiarato il presidente kazako Nursultan Nazarbayev nel suo discorso di chiusura – . Il settore turistico del Kazakistan ha visto una rivitalizzazione. La domanda di servizi di tour operator è quasi raddoppiata in questi tre mesi “. Per la costruzione dell’enorme struttura espositiva, inoltre, sono state impiegate 200mila persone e 196 aziende.

Di fatto, l’Astana Expo è stato un successo: ha registrato la partecipazione di 115 Paesi e 22 organizzazioni internazionali. Ogni nazione ha presentato la propria visione sul concetto di energia futura e ha mostrato i suoi più recenti risultati tecnologici nel settore energetico. Ad alcuni partecipanti e padiglioni l’International Exposition Bureau (BIE) ha assegnato 24 medaglie d’oro, d’argento e di bronzo, insieme a certificati ed altri premi. La Medaglia d’Oro – il più alto premio BIE – è stata data al presidente kazako Nazarbayev per il suo contributo e il successo nell’affrontare la mostra. Un secondo oro, invece, è stato assegnato ai partecipanti internazionali per il loro sostegno. Oltre ai tanti premi, la BIE ne ha assegnato uno aggiuntivo in denaro (24mila dollari) all’Università Nazionale del Lesotho per aver progettato e realizzato pannelli solari a basso costo.

La Russia ha ricevuto il primo premio tra i padiglioni di tipo A ( estesi su più di 700 metri quadrati). Il secondo premio è andato al Regno Unito, il terzo alla Repubblica di Corea. Per lo sviluppo del tema, sul podio è salita la Germania, seguita da Cina e Francia. Tra i padiglioni di tipo B (400-700 metri quadrati), al Qatar è stato assegnato il primo premio per la progettazione della mostre, all’Azerbaigian il secondo e il terzo a Monaco. Per lo sviluppo del tema, la medaglia d’oro della categoria è stata data alla Svizzera, argento all’Ungheria e bronzo all’India. Per i padiglioni di tipo C (meno di 400 metri quadrati), in vetta al podio si è posizionata la Polonia per il design delle esposizioni, seguita da Slovacchia e Lettonia. Per lo sviluppo del tema, è arrivata prima La Finlandia.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles