Autorità russe di Crimea mettono fuori legge assemblea tatari

Organo di autogoverno della minoranza etnica della penisola
Autorità russe di Crimea mettono fuori legge assemblea tatari
15 April 11:25 2016 Print This Article

Le autorità russe della Crimea hanno messo fuori legge l’organo di autogoverno della minoranza etnica del tatari di Crimea, il Mejlis, provocando l’immediata condanna della Ue e l’indignazione dei gruppi di difesa dei diritti civili. Il Mejlis, la rispettata assemblea della minoranza che vive nella penisola ucraina annessa dalla Russia nel 2014, ha resistito al regime russo e operava da tempo sotto pressione: molti dei suoi leader erano stati espulsi dalla regione.

Ieri il procuratore di Crimea Natalia Poklonskaya, che da tempo accusava l’assemblea di malefatte di ogni tipo, ha annunciato di aver deciso di “fermare le attività del Mejlis” perchè i suoi obiettivi sono “attività estremista” e “destabilizzazione”. Al Mejlis è “vietato l’uso dei media di stato e municipali, l’organizzazione di manifestazioni di massa, l’uso di conti bancari e qualunque attività”.

L’Unione europea ha reagito per bocca di un portavoce per gli Affari esteri, che ha chiesto la “revoca immediata” del provvedimento e definito “estremamente preoccupante” la decisione del “sedicente procuratore per la Crimea”. L’assemblea rappresentava dal 1991 i tatari di Crimea, deportati da Stalin e tornati nella penisola solo negli anni Novanta.

Amnesty International ha detto che la decisione “mira ad far tacere il dissenso” e “demolisce uno degli ultimi diritti di una minoranza che la Russaa deve proteggere invece di perseguire”. I tatari di Crimea “hanno subito duramente la stretta di Mosca sulla regione” con almeno sei sparizioni misteriose e una persona trovata morta nel 2014, ha proseguito l’ong.

Anche il Consiglio d’Europa ha espresso la sua preoccupazione. “Invito caldamente a non prendere iniziative per limitare l’attività del Mejlis o a definirlo estremista” ha detto il suo segretario generale Thorbjorn Jagland. “Mettere fuori legge il Mejlis discriminerebbe l’intera comunità tatara di Crimea e sarebbe inaccettabile”.

Eurasiatx/Askanews

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles