Chi (e come) gestisce i policlinici di Mosca

15 persone e tecnologie informatiche per coordinare tutti i poliambulatori della città
Chi (e come) gestisce i policlinici di Mosca
29 gennaio 10:27 2018 Stampa

Si chiama “Centro della situazione”. E’ gestito dal Dipartimento della salute di Mosca e controlla i presidi ospedalieri della Capitale. I servizi elettronici di Unified Medical Information and Analytical System (EMIA) hanno preso il loro posto nello sviluppo dell’assistenza sanitaria urbana e hanno reso molto più facile la vita di medici e pazienti.

Sono più di 600 le strutture integrate in questo sistema. Alexei Khripun, Capo del Dipartimento, monitora l’andamento dell’offerta sanitaria con l’ausilio di 3766 telecamere a circuito chiuso, in pratica nove telecamere per ogni edificio. Le code davanti agli ambulatori medici sono gestite “in diretta” così come in diretta i rinforzi oppure gli smistamenti ad altri specialisti.

Naturalmente il compito del Centro non è solo quello di gestire code stemperando i picchi di domanda quanto piuttosto monitorare costantemente l’uso e le prestazioni dei dispositivi medici e della diagnostica utilizzata. Viene in tal modo certificato il carico di lavoro dei medici, l’utilizzo delle apparecchiature, il tempo d’attesa e il miglioramento organizzativo dei presidi ospedalieri della Città.

Se tutti gli indicatori risultano normali, la clinica viene evidenziata in verde sulla mappa, in caso contrario – in giallo o rosso. I pazienti possono preventivamente prendere visione della situazione che incontreranno una volta giunti all’ospedale prescelto. E potranno rispondere a tre quesiti: “Sei soddisfatto del medico?”, “Siete soddisfatti della qualità del lavoro di tutto il personale?”, “Sei soddisfatto della pulizia e dell’ordine nella clinica?”.

In tre anni il Centro ha elaborato informazioni per un totale di 250 terabyte. Nel dicembre 2014 il 31,6% dei pazienti non ha potuto fissare un appuntamento con il medico al momento opportuno. A dicembre 2017, questa cifra è scesa al cinque percento ed oggi il 30% dei moscoviti utilizza il servizio per ottenere le prestazioni necessarie. La struttura che presidia il Centro offre anche ausilio formativo a 152 medici e 1500 operatori sanitari centralizzando referti e standardizzando le immagini diagnostiche per la consultazione on-line. La cura medica (ad esempio in ambito scolastico) viene così messa a disposizione di chi poi entra in contatto con il paziente anche al di fuori dell’ambito strettamente sanitario.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author