Cina, l’alternativa alle sanzioni europee

L'esportazione di prodotti agricoli dalla Russia alla Cina è cresciuta del 43% nel 2018.
Cina, l’alternativa alle sanzioni europee
06 novembre 10:10 2018 Stampa

La Russia guarda ormai stabilmente alla Cina: lo ha affermato il ministro dell’Agricoltura russa Dmitry Patrushev durante la visita alla prima esposizione internazionale di merci importate, inaugurata il 5 novembre a Shanghai. Il Ministro dell’Agricoltura sta visitando la Cina con la delegazione governativa guidata dal primo ministro Dmitry Medvedev.

Il Ministro ha passato in rassegna i 40 grandi espositori russi presenti alla rassegna ribadendo che il mercato cinese è una delle priorità della Federazione Russa.

“Apprezziamo molto la nostra cooperazione nel settore dell’agricoltura e vediamo importanti prospettive per aumentare le esportazioni verso la Cina: nei primi 9 mesi del 2018 sono cresciute del 43% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e hanno raggiunto un valore di 1,8 miliardi di dollari . La crescita delle esportazioni ha contribuito ad innalzare di un terzo il commercio agricolo bilaterale portandolo a 3,2 miliardi di dollari”, ha affermato Dmitry Patrushev.

I principali prodotti russi esportati in Cina sono pesce e frutti di mare, olii vegetali, semi di soia, cioccolato

La partecipazione alla prima esposizione internazionale dei beni importati a Shanghai ha già convinto le autorità russe a rendere permanente la presenza alle edizioni future del salone.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author