Crescono i prezzi dei piatti tipici del Capodanno russo

L'aumento del costo di alcune materie prime inciderà in maniera significativa sui prezzi per la realizzazione dei piatti più famosi della tradizione russa
Crescono i prezzi dei piatti tipici del Capodanno russo
27 dicembre 14:00 2016 Stampa

Quest’anno i cittadini della Federazione dovranno fare i conti con l’aumento dei prezzi per i piatti tipici che generalmente vengono preparati in occasione di Capodanno. Secondo Rosstat, il Servizio di Statistica federale, a farne maggiormente le spese saranno i piatti della tradizione culinaria russa, oramai diffusi in molte cucine del mondo.

Tra i più diffusi e conosciuti troviamo l’insalata Oliver, comunemente conosciuta come “insalata russa”, che sarà più costosa dell’1,8% rispetto al 2015 facendo lievitare il costo medio per una famiglia di 4 persone da 305 a 310 rubli. La crescita media dei prezzi dei generi alimentari nel periodo compreso tra gennaio e novembre è ha raggiunto +4%, andando ad intaccare molti degli ingredienti dei piatti di Capodanno.  Anche per le “aringhe vestite”, altro piatto tradizionale per una cena della vigilia di Capodanno, il costo è aumentato del +3,7% toccando quota a 155 rubli. A pesare maggiormente è stato l’aumento del costo della maionese, ingrediente chiave per la preparazione di queste due insalate tipiche, che ha fatto segnare un +8,7%.

Il costo medio per la cena di Capodanno per una famiglia di 4 persone è lievitato del 3,6% toccando quota 5.580 rubli (91 dollari al cambio attuale), dato medio secondo Rosstat. La spesa minima per l’acquisto delle materie prime necessarie per la preparazione registra un aumento del 3,9% toccando quota 1.950 rubli, circa 32 dollari. A soffrire maggiormente dell’aumento dei prezzi sono gli abitanti del distretto autonomo di Chukotka, dove la spesa media ha raggiunto 8.400 rubli pari a circa 137 dollari. I più fortunati sono invece i residenti nella Repubblica di Kalmykia, con 4.100 rubli pari a circa 67 dollari. Il Natale, invece, è costato caro ai cittadini di Mosca e San Pietroburgo, che hanno speso in media rispettivamente 6.860 rubli (112 dollari, in crescita del 2,8%) e 5.900 rubli (96 dollari, in crescita del +5,5%).

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Davide Lonardi
Davide Lonardi

Giornalista iscritto dall'Ordine Nazionale dal 2011, nutre una particolare passione per il mondo dell'editoria online. Collabora con diverse testate occupandosi anche di strategie di marketing e di personal branding sul web

View More Articles