Dal carbone alle rinnovabili con 15 miliardi di tenge

Il governo kazako passa alla green economy.
Dal carbone alle rinnovabili con 15 miliardi di tenge
23 novembre 14:09 2018 Stampa

I progetti governativi diretti all’aumento dell’efficienza energetica hanno portato ad un risparmio di circa 3,5 miliardi di barili nel 2018, secondo il ministro per gli Investimenti e lo Sviluppo Zhenis Kassymbek.

Dal 2016 il Paese si è dotato di una mappa di efficienza energetica articolata in 68 progetti per un valore di 15 miliardi di tenge (40,94 milioni di dollari) dove è prevista la partnership pubblico-privato. Il risultato, secondo le stime rese pubbliche dal Ministro, è che il consumo di energia elettrica per le esigenze del Paese è diminuito del 14% nel 2017 grazie anche alle 80 misure di efficienza energetica applicate al settore che ha potuto realizzare un risparmio di oltre 12 milioni di kW di elettricità, di 8 miliardi di metri cubi di gas naturale e 15.000 tonnellate di combustibile per caldaie e fornaci.

Il ministero dell’Energia ha rivisto il consumo energetico quest’anno passando in rassegna tutte le principali imprese kazake di carburante ed energia: i risultati degli audit energetici di 35 organizzazioni produttrici di energia e 19 imprese operatrici di rete  hanno mostrato che è possibile perseguire un’ulteriore quota di risparmio del 30

Il ministero dell’Energia, in collaborazione con il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e il Fondo per lo sviluppo imprenditoriale di Damu, ha iniziato a fornire sussidi e garanzie statali ai progetti di servizi innovativi: ad oggi, 28 progetti hanno ricevuto tale sostegno mentre altre 85 strutture statali sono state selezionate nell’ambito di un progetto da 21,7 milioni di dollari della Banca Mondiale per la formazione di oltre 50.000 persone.

Dal 2016 è operativo anche il sistema informativo automatizzato del registro energetico statale come strumento per controllare il consumo energetico: attualmente contiene i dati di oltre 5.000 soggetti tra imprese, associazioni e organizzazioni e il 40% degli utenti registrati riceve dettagli online sul consumo energetico.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author