Desk italiano a Lipetsk, dove Merloni portò lavatrici nelle case russe

Operativo dal 24 luglio, accordo firmato dal governatore Korolev e dal console Torrembini
Desk italiano a Lipetsk, dove Merloni portò lavatrici nelle case russe
18 luglio 14:12 2018 Stampa

Martedì 24 luglio verrà aperto un desk “Italia”, presso la Camera di Commercio di Lipetsk, in collaborazione con l’Amministrazione Regionale e il Consolato Onorario Italiano locale. La decisione è stata presa di comune accordo con il governatore Oleg Korolev e sottoscritta da Vittorio Torrembini, vice-presidente degli imprenditori italiani in Russia e console onorario di Lipetsk. Lipetsk è  uno snodo chiave del business italiano in Russia: all’inizio degli anni Novanta divenne la sede di una delle più importanti scommesse imprenditoriali di Vittorio Merloni.

Oggi a Lipetsk  sono insediate 12 aziende italiane con un fatturato di 740 milioni di euro e 5.200 dipendenti”. Lipetsk è inoltre una delle 5 Regioni Russe con il maggior interscambio commerciale con l’Italia (circa 230 milioni di euro dei quali 122 di export dall’Italia). A Lipetsk  si produce il 19% dell’acciaio russo, il 20% di zucchero, il 34% di lavatrici e il 29% di frigoriferi del Paese.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author