Embargo russo, 7.500 tonnellate di cibo distrutte

I prodotti alimentari distrutti provenivano da Paesi posti sotto contro-sanzioni
Embargo russo, 7.500 tonnellate di cibo distrutte
05 agosto 16:04 2016 Stampa

In un anno la Russia ha distrutto oltre 7.500 tonnellate di prodotti alimentari. Il motivo di questa azione è la provenienza dei prodotti: principalmente dai Paesi europei o comunque occidentali colpiti dalle contro-sanzioni per la crisi ucraina.

Lo ha dichiarato il Rosselkhoznadzor, l’ente russo che si occupa dei controlli in agricoltura e allevamento. Il servizio federale ha inoltre precisato che si tratta di esattamente 7.282 tonnellate di alimenti di origine vegetale e di 228,6 tonnellate di prodotti di origine animale.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles