La pagella di Bruxelles all’Italia

Bruxelles conferma le stime di crescita nella Penisola: più 1,5 per cento del Pil quest’anno e più 1,2% nel 2019
La pagella di Bruxelles all’Italia
03 maggio 11:39 2018 Stampa

 

Grazie alla crescita miglioreranno ancora i conti pubblici ma “le incertezze sulle politiche sono diventate più pronunciate e, se continuassero, potrebbero rendere i mercati più volatili e avere conseguenze sui premi di rischio”, avverte la Commissione.

Il rapporto prevede che il deficit di bilancio dell’Italia cali all’1,7 per cento del Pil quest’anno, restando su questo valore anche nel 2019. E “in assenza di cambiamenti di politica economica” l’incidenza del debito pubblico dovrebbe moderarsi al 130,7 per cento del Pil nel 2018 e al 129,7 per cento nel 2019.

“Il rapporto debito-Pil dovrebbe aver raggiunto il picco nel 2017 al 131,8%, anche a causa del sostegno al settore bancario – rileva Bruxelles – e dovrebbe poi gradualmente declinare, principalmente a causa della più forte crescita del Pil”.

Sulla dinamica delle valutazioni di Bruxelles verso  l’Italia va tenuto presente  il  giudizio del vicepresidente Valdis Dombrovskis e del Commissario agli Affari economici Pierre Moscovici: fino a quando non sarà  creato un nuovo governo, in base alle consuetudini Ue, viene osservato il  “no policy change”. Le stime di Bruxelles di oggi confermano le previsioni della Commissione.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles