Ferrovie russe, parte la linea alta velocità Mosca-Kazan

Nuovo accordo di cooperazione tra le Ferrovie russe e la Banca di sviluppo euroasiatica per il progetto d’investimento “Costruzione della ferrovia ad alta velocità Mosca-Kazan”. Il documento è stato firmato, in occasione
Ferrovie russe, parte la linea alta velocità Mosca-Kazan
29 maggio 12:03 2018 Stampa

Nuovo accordo di cooperazione tra le Ferrovie russe e la Banca di sviluppo euroasiatica per il progetto d’investimento “Costruzione della ferrovia ad alta velocità Mosca-Kazan”. Il documento è stato firmato, in occasione dello Spief 2018, dall’amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione delle ferrovie russe OJSC, Oleg Belozerov, e dal presidente del consiglio di amministrazione della Banca eurasiatica per lo sviluppo, Andrei Belyaninov.

In base all’accordo, le parti intendono scambiarsi informazioni sui preparativi per l’attuazione del progetto e sulle possibili misure di sostegno. Le ferrovie russe continuano così a implementare l’alta velocità Mosca – Vladimir – Nizhny Novgorod (progetto ferroviario ad alta velocità della città di Kazan). La ferrovia è inoltre un tratto pilota per il trasporto internazionale di merci e passeggeri ad alta velocità sul corridoio ferroviario eurasiatico appartenente alla linea ad alta velocità Berlin-Mosca -Beijing.

La costruzione della nuova linea ferroviaria, lunga 770 km, è ormai stata completata, hanno dichiarato i rappresentanti delle due società. Il lavoro è stato svolto da un consorzio di società costituito da OJSC Mosgiprotrans, OJSC Nizhegorodmetroproekt e China Railway Eryuan Engineering Group Co. Ltd.

In tutto, sono state coinvolte nel progetto oltre 50 organizzazioni, tra quelle più importanti della Federazione russa. La linea attraverserà 7 regioni russe (Mosca, Vladimir, Nizhny, oblast di Novgorod, la Repubblica di Chuvashia, la Repubblica di Mari El e la Repubblica del Tatarstan).

Sono previste quindici tappe, di cui cinque nelle grandi città (Mosca, Vladimir, Nizhny Novgorod, Cheboksary, Kazan) e 10 in quelle piccole. L’elemento positivo è che le regioni con una popolazione totale di circa 30 milioni di persone saranno “collegate” alla linea ferroviaria e potranno facilmente raggiungere i centri urbani più popolosi.

In vista dei collegamenti ferroviari con gli aeroporti regionali, la linea ad alta velocità dovrebbe diventare la base per un nuovo sistema di trasporto multimodale che combina trasporto ferroviario, aereo e stradale.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles