Centomila tonnellate di formaggi vietati arrivano in Russia dal Kazakistan

Stando ai calcoli del giornale, l'utile netto dei contrabbandieri per chilogrammo di formaggio va da 6,71 a 8,39 franchi (poco meno di 10 euro).
Centomila tonnellate di formaggi vietati arrivano in Russia dal Kazakistan
21 novembre 10:07 2017 Stampa

Si torna a parlare di sanzioni e prodotti vietati. Secondo fonti di una testata svizzera, ogni anno fino a 100 mila tonnellate di formaggi “clandestini” finiscono sugli scaffali dei supermercati e negozi russi, rappresentando circa un terzo di tutto il settore caseario.

Inoltre gli importatori di formaggio in Russia dichiarano le proprie merci come merci in transito. In alcuni casi accade che i container con i prodotti che devono essere inviati in Kazakistan attraverso la Russia “si perdono” durante il tragitto, continua il giornale svizzero.

Stando ai calcoli del giornale, l’utile netto dei contrabbandieri per chilogrammo di formaggio va da 6,71 a 8,39 franchi (poco meno di 10 euro). Come ricorda Schweizer Bauer, l’embargo alimentare riguarda molti formaggi popolari in Russia come il briè, il parmigiano, il camembert, il roquefort, l’emmental e il gruviera.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles