Il piano per l’Artico. 12 miliardi per 66 milioni di tonnellate entro il 2024

Tutte le competenze al Ministero per lo sviluppo delle Regioni Orientali
Il piano per l’Artico. 12 miliardi per 66 milioni di tonnellate entro il 2024
23 gennaio 09:24 2019 Stampa

Il Presidente Vladimir Putin e il premier Dmitrij Medvedev hanno concordato il piano di sviluppo dei territori adiacenti all’Artico, una delle zone più ricche di risorse naturali del Paese ma, allo stato attuale, privi di coordinamento amministrativo che consenta uno sviluppo organico e armonico delle infrastrutture portuali, elettriche ed energetiche. Il piano per l’Artico sarà coordinato dal Ministero per lo sviluppo delle Regioni Orientali e consentirà al Ministro di adottare tutte le decisioni necessarie durante le riunioni del Governo Federale. Nel Ministero sarà istituita la nuova carica di primo viceministro responsabile per lo sviluppo economico e sociale della zona artica. Nel frattempo l’Agenzia federale per la navigazione marittima e fluviale “Rosmorrechflot” ha presentato la bozza del piano di realizzazione del progetto federale “Rotta dei mari glaciali artici”. Il documento prevede che per lo sviluppo della rotta nei prossimi 6 anni (2019-2024) saranno investiti 905,6 miliardi di rubli, ovvero circa 12 miliardi di euro al cambio attuale. Lo Stato investirà direttamente 305 miliardi di rubli; la parte restante (600 mld di rubli), sarà assicurata da da fonti extrabudgetarie non specificate. Secondo calcoli preventivi, entro il 2024 il trasporto di risorse e materie prime tramite la rotta dei mari glaciali artici ammonterà a 66,3 mln di tonnellate.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author