Il popolare Weber candidato alla presidenza della Commissione Ue con la benedizione di Merkel

Il Partito popolare europeo (Ppe) ha eletto come suo candidato per la Commissione europea alle elezioni del 2019 il tedesco Manfred Weber
Il popolare Weber candidato alla presidenza della Commissione Ue con la benedizione di Merkel
08 novembre 19:08 2018 Stampa

Il Partito popolare europeo (Ppe) ha eletto come suo candidato per la Commissione europea alle elezioni del 2019 il tedesco Manfred Weber. Weber ha ottenuto 492 dei 619 voti dei delegati. Se il Ppe resterà la prima forza al Parlamento europeo dopo le elezioni di maggio, Weber potrebbe succedere a Juncker alla guida della Commissione Ue.

Weber, che guida il gruppo del Ppe all’Europarlamento, si è presentato come un moderato in grado di superare le divisioni interne alla formazione, in calo in Europa a causa dell’ascesa della destra e dei sovranisti. Il ruolo di presidente della Commissione Ue è occupato dal 2004 senza discontinuità da un membro del Ppe. Con Weber si aprono spiragli nuovi per il Ppe. Era infatti il candidato più possibilista su un’eventuale alleanza con i sovranisti.
La “benedizione” di Angela Merkel a Manfred Weber per la nomina a candidato di punta del Ppe per la guida della Commissione Ue non si e’ fatta attendere: “Weber con un discorso meraviglioso ha aperto un importante ponte tra il proprio Paese e la sfida europea”, ha detto la cancelliera a Helsinki. Il Partito popolare europeo ha scelto questa mattina a grande maggioranza l’esponente della Csu (i cristiano-sociali bavaresi “fratelli” della Cdu di Frau Merkel) nonche’ capogruppo del Ppe al Parlamento europeo per la sfida a presidente della Commissione.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author