Il Pushkin racconta la Rivoluzione d’ottobre

L'artista cinese Cai Guo-Qiang esporrà le sue opere fino al 12 novembre
Il Pushkin racconta la Rivoluzione d’ottobre
06 ottobre 14:50 2017 Stampa

La Rivoluzione d’ottobre è protagonista al Museo Pushkin, a Mosca. Si tratta della mostra ideata dall’acclamato artista cinese Cai Guo-Qiang, il quale ha messo a disposizione del museo grandi tele, piccole installazioni e video artistici su una delle rivoluzioni più importanti della storia.

La peculiarità dell’artista cinese sta nel creare le sue opere versando la polvere da sparo sulle tele. Per la mostra di Mosca, infatti, Cai Guo-Qiang ha preparato una vasta gamma di immagini simboliche con potenti riferimenti: passa dalle stelle rosse a un enorme pannello raffigurante falce e martello, simboli sovietici e del comunismo in generale. La mostra inizia al di fuori dell’edificio del museo con una grande installazione, “Fall”, che sembra un mucchio di carrozzine per bambini, tra le quali passano rami di betulle. Questa è una metafora dei sogni dei bambini e un’allusione a un frammento del leggendario film di Sergei Eisenstein, la Corazzata Potemkin, che presenta un carrello per bambini che scorre lungo la scala.

La mostra, iniziata lo scorso 13 settembre, durerà fino al 12 novembre. L’obiettivo caratterizzante è quello di far riflettere i visitatori sul ruolo degli individui nella storia e il rapporto tra i sogni individuali e gli ideali collettivi. Va in questa direzione anche il film, iretto da Shanshan Xia, che verrà trasmesso a novembre all’interno dell’esposizione. Il film non solo descrive le molte storie che ci sono dietro la realizzazione della mostra, ma presenta anche la ricerca di Cai sul pittore russo Konstantin Maksimov.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles