ISaloni, il design italiano conquista Mosca

E' iniziata la fiera internazionale del mobile nella capitale russa, che terminerà il 14 ottobre
ISaloni, il design italiano conquista Mosca
13 ottobre 10:00 2017 Stampa

Il design italiano conquista la fiera internazionale del mobile di Mosca, iSaloni. Delle 300 compagnie presenti, infatti, 231 provengono dall’Italia. Un’ occasione per il Made in Italy per mostrare la propria competenza nel settore del design.

A sostenere iSaloni WorldWide e MADE expo WorldWide c’è l’Agenzia Ice, che ha portato 120 operatori specializzati del settore, selezionati dalle regioni russe e da Bielorussia, Armenia, Georgia, Azerbaijan, Kazakhistan, Uzbekistan e Turkmenistan. Ma il design del mobile più ricercato rimane comunque quello italiano. La chiave del suo successo, ha spiegato Fabrizio Lucentini, direttore generale per l’Internazionalizzazione e la Promozione degli scambi al Ministero dello Sviluppo economico, “è anche la ricerca applicata ai nuovi materiali. C’è anche la tradizione del savoir-faire italiano che è un po’ la capacità della piccola e media impresa trasferita alle produzioni, non voglio dire di massa, ma industriali. Quindi qualità, design e savoir-faire”.

Secondo Lucentini, inoltre, quello del mobile “è uno dei settori trainanti dell’export italiano. Soprattutto in questo Paese in un contesto nel quale le relazioni commerciali tra i due paesi stanno vivendo dall’inizio dell’ anno un percorso di ripresa con un aumento degli dell’interscambio che è stato superiore al 20 percento, con le nostre esportazioni che sono cresciute più del 24 percento da gennaio a giugno del 2017 rispetto al 2016. In questo contesto si colloca il settore del legnoarredo, che è un settore importante per l’ Italia, ha un valore alla produzione di 41 miliardi di euro, occupa più di 300mila persone in Italia, il 38 percento del valore alla produzione è destinato all’esportazione”.

Massimo Iosa Ghini, star del design italiano che ha firmato per Moroso, Poltrona Frau, Cassina, Flou, Fiam e Snaidero, ha infine spiegato il motivo per cui il design Made in Italy è molto più richiesto degli altri in Russia: “Il nostro sistema di fare le cose, non solo dà una qualità di altissimo livello, ha anche una qualità nel modo di fare le cose, e le nostre aziende sono molto più virtuose. Questo aspetto viene colto e la Russia, in questo salone lo percepisce.

 

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles