Johnson & Johnson condannata a versare 4,7 miliardi a vittime cancro

Per 22 donne colpite da cancro ovarico
Johnson & Johnson condannata a versare 4,7 miliardi a vittime cancro
13 luglio 10:10 2018 Stampa

 

Il gruppo farmaceutico  Johnson & Johnson (J&J) è stato condannato a versare 4,69 miliardi di dollari come indennizzo a conclusione di un processo intentato da 22 donne e dalle loro famiglie.

Si tratta di un nuovo colpo di scena per un dossier che vede migliaia di cause e processi avviati contro il gruppo Usa. L’avvocato delle vittime, Mark Lanier, ha riferito che una giuria composta da sei uomini e sei donne presso il tribunale di St. Louis (Missouri) ha deciso di condannare Johnson & Johnson dopo sei settimane di processo e otto ore di camera di consiglio.

Il pagamento dei danni ordinato prevede 550 milioni di dollari in compensazioni e oltre 4,1 miliardi di indennizzi punitivi “Noi speriamo che questo verdetto attirerà l’attenzione del consiglio d’amministrazione di J&J e lo esorterà  a meglio informare la comunità medica e il pubblico sul legame tra amianto, talco e cancro ovarico”.

In un comunicato J&J si è detta “profondamente delusa dal verdetto”, considerato “risultato di un processo ingiusto”. J&J è presente e operativo sul mercato russo   dal 1991.

La società investe in progetti relativi alla formazione professionale dei medici. Nel 2008 Dmitry Medvedev ha inaugurato il centro educativo e metodologico di Kazan per la formazione di esperti in assistenza medica ad alta tecnologia (centro di formazione VMT) dove ha investito circa 15 milioni in attrezzature di laboratorio e organizzazione dei processi di formazione. In Russia ha promosso la nascita di

IMEDA (International Medical Device Association) che ha unito i produttori internazionali di dispositivi medici, prodotti usa e getta e reagenti vitro disponibili sul mercato russo. E’ infine presente come consulente ed esecutore del progetto Heart of Russia nella Repubblica del Tatarstan , finalizzato alla riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author