Pechino investe in Estremo Oriente

Un ufficio di rappresentanza del produttore e fornitore cinese di alimenti nella regione dell'Estremo Oriente
Pechino investe in Estremo Oriente
14 dicembre 17:00 2016 Stampa

Il più grande produttore cinese e fornitore di alimenti, China National Cereals, Oils and Foodstuffs Corporation (COFCO), inaugurerà un ufficio di rappresentanza nella regione dell’Estremo Oriente della Russia. Ad annunciarlo, il governo della regione Primorksy in un comunicato a seguito dell’incontro tra il capo della regione e il vice presidente della compagnia cinese, Chi Jingtao.

La società cinese ha già definito la strategia per i futuri investimenti nella regione. Il settore più promettente, come dichiarato da Jingtao, è quello della produzione e lavorazione dei semi di soia. Ciò consentirà alla società di evitare le difficoltà logistiche associate alla consegna dei prodotti di soia provenienti dal Sud e dal Nord America.

Il vice presidente Jingtao ha inoltre affermato che la società cinese è interessata alle esportazioni di prodotti a base di carne e acqua in bottiglia provenienti dalla regione dell’Estremo Oriente. In più la società è pronta ad analizzare il mercato per evidenziare la fattibilità degli investimenti nel settore alberghiero nella regione Primorsky.

“Abbiamo deciso di registrare la nostra società in Estremo Oriente per discutere più da vicino i progetti congiunti con le autorità locali“, ha detto Jingtao.

COFCO è una società cinese di proprietà statale che lavora per l’import-export dei prodotti agroalimentari, tra cui riso e altri cereali, olio, zucchero, infusi e simili, frutta e verdura. La società è presente in più di 140 Paesi e regioni con 336 filiali e uffici in tutto il mondo.

Print this entry

view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles