La Duma e la valuta digitale

Oggi la Camera  bassa dell’Assemblea Federale russa  da ufficialmente il via al processo di regolamentazione della criptovaluta
La Duma e la valuta digitale
21 febbraio 10:00 2018 Stampa

Regolamentazione, ovvero riconoscimento legale, funzionalità, legislazione regolamentativa. E’ il primo parlamento a cimentarsi sul tema e – ancor più rilevante – è la prima Camera a voler riconoscere il valore della moneta digitale.

Si comincia con le audizioni, per le quali sarà messa a disposizione la sala della “plenaria” perché le domande di accesso sono state quelle dei grandi eventi. Il primo intervento sarà affidato allo stesso presidente della Duma, Vyacheslav Volodin, che metterà ordine all’andamento dei lavori perché le questioni dell’economia digitale coprono uno spettro sconfinato di discipline e interessi ed hanno una ricaduta in tutti i settori dell’organizzazione amministrativa.

Problemi a parte, l’incipit del Presidente della Duma permette di cogliere anche la volontà politica di raggiungere la meta perché “la criptovaluta è la medicina del futuro”.

I lavori della Duma sono – sulla carta – semplici: dare un quadro legislativo coerente ed efficace all’economia digitale. Le insidie sono tuttavia innumerevoli. Per questo il dibattito è stato calendarizzato senza risparmiare audizioni e interventi: prenderanno la parola tutti i deputati che lo chiederanno ma saranno ascoltati anche tutti i ministri economici, i protagonisti imprenditoriali e gli esperti delle tecnologie digitali.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author