La Russia apre il proprio mercato all’export agricolo del Kirghizistan

300 milioni di prodotti sugli scaffali russi nel 2018: cioccolato, zucchero, olio di girasole e carne di pollo. Nel 2019 la cooperazione aumenterà
La Russia apre il proprio mercato all’export agricolo del Kirghizistan
31 gennaio 10:31 2019 Stampa

Il viceministro dell’Agricoltura della Russia, Sergey Levin, ha concordato con l’Ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica del Kirghizistan nella Federazione russa Alibekbek Dzheshkenkulov di intensificare nell’anno in corso la cooperazione agricola tra i due Paesi concedendo una maggiore presenza dei prodotti alimentari della Repubblica del Kirghizistan sulle tavole dei russi.

Sergey Levin e Alikbek Jekshenkulov firmeranno specifici accordi sulla cooperazione nel settore della pesca, nel campo della produzione di sementi, dell’agricoltura biologica, della vigilanza veterinaria e fitosanitaria.

Le relazioni commerciali tra i paesi cresceranno ulteriormente nel 2019 :nei primi 11 mesi del 2018, gli scambi di prodotti agricoli tra la Russia e il Kirghizistan ammontavano a 250 milioni di dollari, mentre le esportazioni russe in Kirghizistan ammontavano a 220 milioni. Le voci principali nella struttura delle forniture del Kirghizistan in Russia sono cioccolato, olio di semi di girasole, prodotti di lavorazione del grano, zucchero e dolciumi prodotti, nonché carne di pollame.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author