La scarpa italiana alla conquista dell’Est

Tre banchi di prova per le calzature Made in Italy nell'oscillante mercato est-europeo
La scarpa italiana alla conquista dell’Est
10 ottobre 10:35 2017 Stampa

Calzatura italiana con lo sguardo orientato all’Est Europa. I calzaturieri sono pronti a volare prima in Kazakistan e poi in Russia. Da mercoledì a venerdì, infatti, all’Hotel Rixos di Almaty (Kazakistan) è in programma Shoes from Italy.

Saranno una trentina le aziende italiane pronte ad accogliere 200 buyer provenienti dal Kazakistan e dai Paesi dell’area: Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan. In seguito, dal 24 al 27 ottobre è in calendario all’Expocentre, presso l’Obuv di Mosca. Tra i settori delle calzature e della pelletteria, saranno circa 150 gli espositori italiani presenti (che rappresentano il 70 percento della rassegna) per un salone che richiama circa 8.000 ingressi.

Infine, il 7 e 8 novembre arriverà l’appuntamento ucraino di Shoes from Italy, in programma all’Hyatt Regency Hotel (Kiev). A questa manifestazione parteciperanno una trentina di imprese, mentre i visitatori previsti sono circa 130. Tre banchi di prova per capire la situazione del mercato dell’Est Europa che, soprattutto negli ultimi periodi, ha registrato sempre frequenti oscillazioni.

Print this entry

Review Summary

Circa 150 espositori italiani in programma di Shoes from Italy in Kazakistan, Russia e Ucraina

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author