La strategia GNL di Mikhelson che vale lo 0,15% del pil russo

I piani di sviluppo Novatek anticipati a Putin
La strategia GNL di Mikhelson che vale lo 0,15% del pil russo
27 febbraio 11:14 2019 Stampa

Leonid Mikhelson, presidente del consiglio di amministrazione di Novatek, ha illustrato a Presidente russo Vladimir Putin i piani di sviluppo del colosso che punta allo sviluppo su larga scala del gas naturale liquefatto. Alla vigilia dell’apertura dell’impianto di medio tonnellaggio (600 mila tonnellate)  a Vysotsk, nella Regione di Leningrado, Mikhelson ha presentato il piano aziendale che coinvolge 55 regioni della Federazione e che già oggi porta alla Novatek ordini sottoscritti per 650 miliardi di rubli.

Se la a prima linea di Vysotsk è di 600 mila tonnellate, l’implementazione del secondo progetto (“Arctic LNG-2”) porterà la produttività a 19,8 milioni di tonnellate con una previsione di ordini pari a un trilione di rubli.

Il volume degli investimenti nella regione di Murmansk è di circa 120 miliardi di rubli.

La strategia NOVATEK prevede oggi 57 milioni di tonnellate di produzione di GNL entro il 2030, ma Mikhelson prevede tra un anno di, rivedere la strategia complessiva portando l’obiettivo a 70 milioni di tonnellate.

Novatek sta progettando di realizzare due centri di trasbordo: oltre a quello nella regione di Murmansk, il secondo centro sorgerà in Kamchatka.

La strategia Novatk coinvolge più di 800 imprese e coinvolge complessivamente 12 mila posti di lavoro diretti oltre ad 80 mila indiretti. Secondo le stime Novatek, le attività complessive valgono lo 0,15% dell’intero pil russo.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author