Le serre di Stavropol e la competizione con il Krasnodar

Il Governo Federale (Dmitry Medvedev) e il Governatore di Stavropol (Vladimir Vladimirov) per la rivoluzione delle serre
Le serre di Stavropol e la competizione con il Krasnodar
05 febbraio 14:21 2018 Stampa

Senza serre l’autosuficienza è una chimera. Le coltivazioni in superficie non possono riempire gli scaffali dei supermercati nei lunghi mesi invernali. La logistica, inoltre, fatica a servire le regioni russe più ad est dove gelo e disgelo la fanno da padrona.

La Russia punta sul Krasnodar per lo sviluppo delle coltivazioni in serra, capaci di garantire approvvigionamento e varietà orticola. Ma è ben felice che la competizione di altre regioni diano impulso allo sviluppo della moderna coltura sotto serra. E pazienza se questo comporterà una dipendenza da Olanda e Germania, leader nella fornitura della tecnologia e delle soluzioni da serra. Per questo lo stesso Medvedev ha preso in mano la bandiera del territorio di Stavropol che ha fruttato 10 milioni di tonnellate in più di prodotti orticoli provenienti da culture di serra. La crescita dell’agricoltura (+7% nel 2017), qui, è figlia della programmazione e coltivazione in serra. Il Stavropolskij Kraj confina con il Territorio di Krasnodar: si estende più a sud nei territori settentrionali del Caucaso. E sfida il Krasnodar a colpi di ettari coltivati a serra. 300 nuovi ettari ben ricoperti anche nel 2017, questo il dato di Stavropol. Il Krasnodar risponde con progetti ancora più ambiziosi e con l’intervento diretto di Gasprombank per l’impulso delle serre. Mosca lascia fare: competition is competition..

La regione di Stavropol prevede di sviluppare ulteriormente il settore ortofrutticolo in serra? Ottimo: il governo federale offrirà garanzie e prestiti per permetterne lo sviluppo: la regione ha ricevuto 30 miliardi di rubli di tali garanzie che ha loro volta hanno prodotto… il più grande produttore russo in serre: 55 mila tonnellate di ortaggi. Quest’anno l’asticella è stata innalzata considerevolmente e Medvedev spera di arrivare a 100 mila tonnellate, perché questo è il ritmo di crescita assicurato dal Governatore Vladimirov.

Le novità da Stavropol non si fermano qui: la produzione punta al biologico, mette al bando i tradizionali prodotti chimici impiegati in agricoltura e nei supermercati i prodotti non OGM hanno scaffali separati dagli altri prodotti.

Chi investe in Stavropol? Gli europei (anche un italiano). Lo Stato Federale compensa il costo del denaro (il cui valore oscilla tra il 6 e l’8,5%) mettendo sul piatto la copertura del 5% del costo e riducendo quindi il peso finanziario del credito.

Dmitry Medvedev ha approvato la performance di Stavropol e ha invitato le regioni meridionali calde del paese a fare lo stesso, dal momento che il sole permetterebbe di risparmiare anche sull’elettricità e renderebbe la marginalità degli investimenti ancora più significativi.

Elisa Sergio

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author