Nato: “inopportuna” decisione di Pristina pro esercito. Presenza Onu da ridefinire

Stoltenberg: evitare escalation
Nato: “inopportuna” decisione di Pristina pro esercito. Presenza Onu da ridefinire
15 dicembre 09:11 2018 Stampa

La Nato “riesaminerà” il proprio impegno in Kosovo dopo che il parlamento di Pristina ha dato il via libera alla creazione di un esercito nazionale. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso dall’Alleanza atlantica.

Il segretario generale Jens Stoltenberg si è detto dispiaciuto per la decisione adottata dal Kosovo, “nonostante le preoccupazioni espresse dalla Nato”, sottolineando che “se la transizione della Forza di sicurezza del Kosovo è in linea di principio una questione a cui spetta al Kosovo decidere, avevamo chiarito che questa iniziativa era inopportuna”.

“La Nato sostiene lo sviluppo della Forza di sicurezza del Kosovo sotto il suo attuale mandato” – ha aggiunto: “cambiato il mandato, il Consiglio Nord Atlantico riesaminerà ora il livello dell’impegno Nato verso la Forza di sicurezza del Kosovo”.

Ribadendo l’impegno Nato per la sicurezza e la stabilità della regione, Stoltenberg ha quindi invitato “Pristina e Belgrado alla calma e ad astenersi da qualsiasi affermazione o azione che possano portare a un’escalation”.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author