Nuove sanzioni Usa alla Russia

Il Tesoro americano annuncia nuovi provvedimenti contro la Federazione
Nuove sanzioni Usa alla Russia
02 settembre 10:19 2016 Stampa

Gli Stati Uniti tornano alla carica. È stata infatti annunciata una lunga lista di nuove sanzioni nei confronti della Russia. Le cause sono da ricondursi al sostegno da parte di Mosca ai ribelli ucraini e all’annessione della Crimea del 2014. Lo ha annunciato il Tesoro americano.

In particolare, a essere colpita è una parte della Bank Rossiya, spesso definita come la banca personale del presidente Vladimir Putin. Inoltre ad essere coinvolti nei nuovi provvedimenti sono alcuni gruppi di costruzioni. Per quanto riguarda le persone fisiche, rientrano nella lista 17 separatisti ucraini, 11 dei quali sono diventati funzionari del nuovo governo di Crimea nato dopo l’annessione di Mosca.

Le sanzioni vietano alle aziende e alle persone inserite nella lista fare affari con gli Stati Uniti o entrare nel Paese. Il Tesoro americano ha aggiunto che alcune società legate a Gazprom, sussidiarie di Gazprombank e della Banca di Mosca, insieme ad altre realtà finanziarie russe sono incluse nella lista dei soggetti posti sotto sanzioni, sempre per via della questione ucraina.

“Per come la vedo io, l’allargamento delle sanzioni da parte degli Stati Uniti è più che altro una dichiarazione politica. Dal punto di vista dell’efficacia economica, gli effetti sull’economia della Federazione saranno minimi”. Ha commentato così la notizia il primo vice ministro per lo Sviluppo economico russo, Alexey Likhachev.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles