Piano agricolo del Governo kazako per portare la superficie irrigata a 3,5 milioni di ettari

Yevniyev: ”Superficie irrigua al 7%. Obiettivo il 16%”
Piano agricolo del Governo kazako per portare la superficie irrigata a 3,5 milioni di ettari
08 gennaio 13:33 2019 Stampa

Il governo kazako ha stabilito di aumentare la superficie irrigua della nazione portandola dall’attuale 7% al 16% entro il 2028. Lo ha riferito il primo vice Ministro dell’Agricoltura, Arman Yevniyev.

Il piano prevede di avviare alla produzione 600.000 ettari di terra irrigata e aggiungere altri 1,5 milioni di ettari di terra irrigata nel corso dei prossimi 10 anni per portare il totale della nazione a 3,5 milioni di ettari.

L’agricoltura è un settore economico fondamentale per il Kazakistan le cui aree coltivate occupano formalmente l’81% della superficie totale.

Il clima, tuttavia, è prevalentemente arido e la steppa e il deserto occupano oltre l’80% del territorio del paese: l’agricoltura del Paese non può quindi decollare efficacemente senza una complessa e capillare visitazione della mappa idrica che assicuri  irrigazione e conseguente certezza produttiva al comparto agricolo.

Benchè le tariffe siano anche tra le più basse al mondo, il Kazakistan non possiede oggi sufficienti risorse per finanziare una ricostruzione dei canali idrici e delle strutture idroelettriche ereditate dall’Unione Sovietica. Senza un intervento straordinario, secondo la Banca Mondiale, il Kazakistan impiegherebbe 44 anni a ristrutturare l’attuale impianto idrico (utilizzando il parametro degli ultimi 5 anni che hanno registrato un intervento annuo di 7 miliardi di tenge pari a poco meno di 19 milioni di dollari).

Il piano del Governo illustrato da Yevniyev si basa su due presupposti finanziari assicurati dalla Islamic Development Bank e dala Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (per un totale di 316 milioni di dollari) che prevede investimenti per potenziare i sistemi di irrigazione nelle regioni di Zhambyl, Aktobe, Turkestan, Almaty e Kyzylorda.

I fondi sono forniti all’operatore idrico nazionale Kazvodkhoz.

Altri 118 miliardi di tenge (317,8 milioni di dollari) per ricostruire il sistema di irrigazione su 256.000 ettari di terreno saranno conferiti da organizzazioni finanziarie internazionali utilizzando – ha specificato Yevniyev- partenariati pubblico-privati.

Il partner privato eseguirà la progettazione, la costruzione e, al momento della messa in servizio, supervisionerà l’uso e il servizio tecnico delle strutture di irrigazione.

La Banca asiatica di sviluppo sta finalizzando un memorandum da firmare con il ministero per investire fino a $ 2 miliardi nell’agricoltura kazaka tra il 2019 e il 2021 che accorcerebbe anche l’arco temporale di 10 anni previsto attualmente dal Governo.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author