Quattro Paesi filo-Ue prorogano sanzioni anti-russe

Lo ha annunciato alla stampa l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini
Quattro Paesi filo-Ue prorogano sanzioni anti-russe
13 ottobre 14:00 2017 Stampa

Albania, Montenegro, Norvegia e Ucraina hanno aderito alla decisione europea di prorogare le sanzioni contro la Russia fino al 15 marzo 2018. Lo ha dichiarato alla stampa l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini.

Già dal mese di agosto, i quattro Paesi avevano sostenuto la proroga delle sanzioni, finché il Consiglio europeo non ha deciso di applicarla lo scorso settembre. Attualmente, le sanzioni vanno a colpire un elenco composto da 149 persone fisiche e 38 persone giuridiche, alle quali è impedito l’accesso in Unione Europea e alle quali sono stati congelati i beni presenti sul territorio europeo.

La Russia è stata sanzionata per la prima volta nel 2014. Quell’anno, Usa e Ue avevano preso provvedimenti contro la Federazione per il suo intervento in Crimea e nella crisi ucraina. Di fatto, poi, l’Ue ha deciso di prorogare queste sanzioni fino al 15 marzo 2018.

A questa decisione si sono uniti Albania, Montenegro, Norvegia e Ucraina, anche se non fanno parte della comunità europea. Montenegro e Albania sono già candidati all’ingresso in Ue, mentre gli altri due Paesi (nonostante non siano membri Ue) hanno sempre partecipato alle questioni rigurdanti le sanzioni anti-russe.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles