Retromarcia-pensioni: Putin avvia la riforma della riforma

Per uscire dal vicolo cieco, il Presidente allenta i vincoli della più impopolare delle riforme
Retromarcia-pensioni: Putin avvia la riforma della riforma
30 agosto 10:57 2018 Stampa

L’età pensionabile per le donne non salirà a 63 anni, come annunciato, ma a 60 anni. Vladimir Putin ha presentato in prima persona le proposte per arginare la protesta e l’opposizione popolare che la riforma delle pensioni ha scatenato. Putin lo ha annunciato in diretta durante un discorso televisivo.

Esemplificando la riforma “moderata”. Ha assicurato che tutte le donne della generazione pre-68 andranno in pensione a 60 anni. Le donne con prole manterranno il diritto al pensionamento anticipato, a seconda del numero di figli: con tre figli il diritto alla pensione scatterà tre anni prima del previsto. Le donne che hanno cinque o più figli verranno esentate da qualsiasi cambiamento e andranno in pensione a 50 anni. Coloro che dovevano andare in pensione nel 2019 e nel 2020 hanno diritto ad un anticipo di sei mesi prima della nuova età di pensionamento. Le prestazioni sociali durante il periodo di transizione rimangono quelle previste dal vecchio sistema pensionistico che prevedeva l’entrata in pensione a 60 anni per gli uomini e a 55 anni per le donne e non verranno modificati. Saranno inoltre sviluppati programmi per sostenere la ri-occupazione e la riqualificazione e verrà intensificato il controllo sul licenziamento in età pre-pensionamento. Putin infine ha assicurato che verrà aumentata l’indennità di disoccupazione massima per i cittadini in età pre-pensionamento dagli attuali 4.900 rubli fino a 11280 rubli a partire dal 1° gennaio 2019. I pagamenti devono essere erogati entro un anno e il datore di lavoro deve fornire agli occupati in età di prepensionamento due giorni/anno per esami medici gratuiti, mantenendo la retribuzione. Putin, infine, ja assicurato che resteranno in vigore i benefici regionali esistenti (in particolare viaggi gratuiti su trasporti pubblici e benefici per l’acquisto di medicinali). Il primo ministro Dmitry Medvedev ha chiesto ai membri del governo di presentare il più presto possibile una nuova proposta di legge che recepisca le indicazioni presidenziali  invitando il vice primo ministro Olga Golodets a garantire la celerità della” riforma della riforma”.

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author