Rosneft raccoglie oltre 22Mld di dollari dagli investimenti esteri

Investimenti importanti per Rosneft da parte delle società estere
Rosneft raccoglie oltre 22Mld di dollari dagli investimenti esteri
02 settembre 11:11 2016 Stampa

Il Distretto dell’Estremo Oriente si conferma una zona strategica per i piani di Rosneft. Il colosso petrolifero russo, che è proprietario di 19 brevetti per l’esplorazione di questi territori, ha raccolto  22 mld di dollari da società estere. I capitali serviranno per il completamento di più progetti, tra cui il più imponente è lo Sakhalin-1, che prevede l’estrazione, il trasporto e l’esportazione di petrolio dall’isola di Sakhalin. Un progetto che, secondo le stime, entro il 2055 porterà nelle casse del governo russo circa 6 trilioni di Rubli (91 mld di dollari nel cambio attuale).

L’annuncio è stato dato dal CEO di Rosneft, Igor Sechin, durante la cerimonia di lancio del cantiere navale Zvezda. Quest’ultimo è un anello importante della pipeline di 220 Km che la Russia sta costruendo nello stretto di Tatar, che dall’isola di Sakhalin porterà il gas al terminal petrolifero de-kastri, sulla terra ferma. Di qui verrà caricato su navi cisterna per il trasporto verso i mercati dell’Asia orientale.

Con il raggiungimento di questi risultati, il gigante petrolifero prevede di investire entro il 2021 oltre 2 mld di dollari nell’esplorazione della piattaforma continentale dell’Estremo Oriente.

Al progetto Sakhalin partecipano, la statunitense Exxon Mobil (30%), Rosneft (20%), la giappponese Sodeco (30%), l’indiana ONGC (20%).

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Domenico Nucera
Domenico Nucera

View More Articles