Rosturism non c’è più. L’agricoltura italiana ingloba il turismo e Centinaio vola a Mosca

Visita del Ministro delle Politiche Agricole il 13 febbraio
Rosturism non c’è più. L’agricoltura italiana ingloba il turismo e Centinaio vola a Mosca
06 febbraio 10:36 2019 Stampa

Il ministro delle Politiche alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, incontrerà gli imprenditori della filiera agroalimentare presenti in Russia mercoledì 13 febbraio a Villa Berg, la residenza dell’Ambasciata italiana a Mosca.

L’incontro avverrà di primo mattino, alle ore 8 locali, perché l’agenda è del giorno è complicata (anche se non è stata resa ancora nota).

Come sempre accade non è dato di sapere quali siano gli specifici dossier in discussione né se verranno riesumati gli accordi di cooperazione agro-alimentari sottoscritti nel 2016 e rimasti poi lettera morta.

La visita del Ministro italiano avviene all’insegna di un duplice cambiamento “turistico” che ridisegna il settore in tutti e due i Paesi. In Italia

si completa oggi, definitivamente, il passaggio del dipartimento turismo dal MIBAC al MIPAAFT iniziato lo scorso luglio: il nuovo
Dipartimento Turismo avrà la funzione di coordinare le linee di azione del Ministero in materia di turismo, anche al fine di favorire una politica integrata di valorizzazione del made in Italy e svolgerà attività di promozione delle eccellenze simbolo della qualità della vita e delle attrattive del territorio Italia. In Russia oggi viene definitivamente licenziato il capo del Rosturism, Oleg Safonov. Le funzioni dell’Agenzia Federale per il Turismo saranno trasferite al Ministero dell’Economia e dello Sviluppo della Federazione Russa. L’ordine è stato firmato dal primo ministro della Federazione Russa Dmitry Medvedev.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author