Russia, governo vara piano anticrisi per rilancio economia

Da 9 miliardi di euro, 3,7 per le regioni
Russia, governo vara piano anticrisi per rilancio economia
29 January 09:00 2016 Print This Article

Non è mai troppo tardi per rilanciare l’economia russa, fiaccata dai prezzi del petrolio ai minimi e, per questo, con il rublo sempre più in picchiata contro il dollaro. O almeno questo si propone il nuovo piano anticrisi, preparato dal governo russo. Le misure complessive valgono 9 miliardi di euro, e in base a quanto annunciato dal ministro dell’economia Alexei Uljukaev, offrirà 3,7 miliardi di euro alle regioni. Il piano è urgentissimo, visti i problemi della moneta russa e il conseguente balzo dei costi delle importazioni. La divisa è appesantita dal crollo del prezzo del petrolio che rappresenta, con il gas, circa la metà delle entrate di bilancio. Il tutto mentre le sanzioni occidentali, legate alla crisi ucraina, continuano a pesare sul Pil di Mosca: il Fondo monetario internazionale si aspetta un ulteriore calo dell’1% quest’anno dopo la flessione del 3,7% nel 2015.

Secondo alcuni giornali russi, il piano preparato dal governo comprende 96 punti divisi in quattro capitoli: gli aiuti alle regioni, il supporto ai settori più in difficoltà (auto) o prioritari (agricoltura), misure sociali e riforme strutturali. Peraltro la situazione economica è stata discussa oggi dal presidente russo Vladimir Putin addirittura in Consiglio di sicurezza, con enfasi sullo sviluppo delle alte tecnologie e la sostituzione delle importazioni. Mentre il suo portavoce Dmitri Peskov ha dichiarato che per ora non c’è ancora una soluzione per i prestiti in valuta straniera.

Quest’ultimo aspetto della crisi non è secondario perchè va a toccare il benessere di molti russi, leggasi elettori. Mentre si moltiplicano le manifestazioni dove i mutuatari in valuta estera, presi per il collo dalla crisi, chiedono la conversione del prestito in moneta nazionale, dopo che la divisa russa è crollata a oltre 83 rubli per un euro. Nei giorni scorsi sono state organizzate diverse azioni a Mosca, presso la sede di VTB24, Raiffeisen Bank, Absolut Bank. Anche ieri e pure oggi. Molti economisti off the records confermano che la “pacchia è finita” e verranno tempi durissimi. PwC ha pubblicato oggi i risultati del sondaggio annuale, in cui sono stati intervistati 107 Ceo delle più grandi aziende in Russia. La minaccia principale nel 2016, secondo gli imprenditori russi è la volatilità del tasso di cambio. Dal 2014 il numero di chi è convinto di ciò, è quasi raddoppiato ed è pari al 92%.

Eurasiatx / Askanews

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Davide Lonardi
Davide Lonardi

Giornalista iscritto dall'Ordine Nazionale dal 2011, nutre una particolare passione per il mondo dell'editoria online. Collabora con diverse testate occupandosi anche di strategie di marketing e di personal branding sul web

View More Articles