Salmone in eccesso: il prezzo crolla del 32%

Il pesce rosa cede un terzo del suo valore nel commercio all'ingrosso
Salmone in eccesso: il prezzo crolla del 32%
25 febbraio 11:56 2019 Stampa

I prezzi all’ingrosso del pesce rosa nella Russia centrale sono diminuiti a febbraio di quasi un terzo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ne danno evidenza i dati dell’Associazione russa di imprese, imprenditori ed esportatori di pesce (VARPE). La causa principale del crollo del prezzo è data dall’eccesso di pesca e dalla grande quantità di scorte giacenti. Per scongiurare un’ ulteriore diminuzione dei prezzi, entro maggio i rivenditori si sono impegnati a rivendere le quantità di salmone già acquistate e porre fine alle giacenze.

Il prezzo all’ingrosso del salmone rosa congelato, a febbraio, nel Distretto Federale Centrale della Russia è di 130 rubli per 1 kg, il 32,3% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Poco meglio ha fatto il caviale di salmone , diminuito del 30,3% e venduto s 2 mila rubli al chilo.

La cattura record di salmoni nel 2018 arrivata ad oltre 676 mila tonnellate, il doppio rispetto alla cattura del 2017, ha presentato un conto salato che sta mettendo in ginocchio le imprese di produzione e commercio del mercato ittico.

Le catene di vendita al dettaglio hanno annunciato di voler ridurre ulteriormente il  prezzo del pesce congelato che si avvicina a a scadenza ipotizzando una ulteriore diminuzione del 20% a partire dal mese di marzo.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author