Sanzioni Usa, ma Mosca non risponde

Lo ha annunciato il presidente Obama, ma Putin ha deciso di aspettare Trump
Sanzioni Usa, ma Mosca non risponde
03 gennaio 18:22 2017 Stampa

Lo aveva detto, ma ora l’ha fatto. Il presidente uscente degli Stati Uniti Barack Obama qualche giorno fa ha annunciato una serie di pesanti azioni contro la Russia, accusata di aver interferito nelle elezioni americane, vinte da Trump, con cyber attacchi che avrebbero danneggiato Hillary Clinton.

In particolare, le autorità americane hanno ordinato l’espulsione dal suolo degli Stati Uniti di 35 diplomatici russi. Inoltre sono state colpite alcune strutture russe su suolo americano accusate di aver dato sostegno agli attacchi di cui è stata decretata la chiusura.

A sua volta la Russia ha preso la sua decisione. Il presidente russo Vladimir Putin ha infatti deciso e annunciato di non espellere i diplomatici americani in risposta alle sanzioni Usa. Putin ha infatti respinto la proposta presentata dal ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.
Quello del Cremlino sembra voler essere un segnale di distensione, in attesa dell’arrivo di Donald Trump. “Noi non vogliamo creare problemi ai diplomatici americani” ha detto Putin. E durante la cerimonia per i festeggiamenti di fine anno ha invitato i diplomatici Usa, le loro famiglie ed i loro bambini alla festa al Cremlino.

 

 

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Cecilia Valentini
Cecilia Valentini

View More Articles