Turchia-Federazione: accordo per abolire le restrizioni commerciali

Firmatari sono stati il vice premier russo Arkadij Dvorkovich e il vice premier turco Mehmet Simsek.
Turchia-Federazione: accordo per abolire le restrizioni commerciali
23 maggio 12:00 2017 Stampa

Ieri, al termine del vertice dell’Organizzazione della cooperazione economica del Mar Nero (BSEC), la Russia e la Turchia hanno firmato un accordo per porre fine alle reciproche restrizioni commerciali. Alla cerimonia erano presenti i ministri Dmitry Medvedev e Binali Yildirim, mentre hanno firmato il documento il vice premier russo Arkadij Dvorkovich e il vice premier turco Mehmet Simsek.

Nell’ultimo periodo Russia e Turchia si erano “dichiarati guerra” nel settore agricolo. La Russia aveva imposto un embargo su alcuni prodotti agricoli turchi come cipolle, cavolfiori, broccoli, garofani e pomodori. Il 9 marzo, poi, la Federazione aveva deciso di revocare le restrizioni per questi alimenti, ad accezione dei pomodori. Allo stesso modo la Turchia, toccata nel suo settore dell’export, aveva deciso di imporre a sua volta un embargo per alcuni prodotti di esportazione russa. 

Il Paese di Erdogan aveva infatti imposto una tassazione del 103 percento su carne, grano, cereali ed olio provenienti dalla Russia. Una tassazione così forte rendeva impensabile agli imprenditotri russi di poter esportare i propri prodotti e aveva prospettato ingenti cali di guadagno, soprattutto per il grano, il cui prezzo stava già cominciando ad abbassarsi vorticosamente. Con questo accordo, però, la guerra a suon di embarghi sembra avere una fine.

 

.

 

Print this entry

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Nicole Volpe
Nicole Volpe

View More Articles