Una partnership strategica per internazionalizzare della cultura

Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e ICCROM sottoscrivono un accordo per esportare il know how italiano nel settore dei beni culturali
Una partnership strategica per internazionalizzare della cultura
14 ottobre 17:35 2019 Stampa

Internazionalizzare il sistema dei beni culturali ed esportare l’eccellenza italiana nella ricerca e formazione relative alla tutela e gestione dei beni culturali. L’accordo firmato oggi tra Carla Di Francesco, già direttore della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e commissario straordinario della stessa dal 9 ottobre 2019, e Webber Ndoro, Direttore generale dell’Iccrom, assume un’importanza strategica nelle politiche culturali internazionali e rafforza la specificità del know how italiano legato alla gestione del patrimonio.

“L’internazionalizzazione è una delle priorità della Fondazione, che tra pochi giorni vedrà partire la International School of Heritage, il primo corso destinato a funzionari e professionisti del settore culturale dei Paesi del Mediterraneo” spiega Carla Di Francesco. “Ma per svolgere al meglio questa missione c’è bisogno di partnership strategiche e capaci di rafforzare l’intero sistema”.

Un accordo che punta dunque alla complementarietà e all’integrazione delle competenze: se la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, istituita dal Mibact, è il principale soggetto nazionale per l’alta formazione in ambito gestionale, Iccrom, organizzazione intergovernativa creata dall’Unesco, ha un focus centrato essenzialmente sulla conservazione dei beni materiali e immateriali.

Un gioco di squadra per favorire la diffusione dei modelli virtuosi e delle buone pratiche, che consente al nostro Paese di rafforzare il suo ruolo guida a livello internazionale nel settore della conservazione e gestione del patrimonio.

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author