Via libera del cda Rai: Sangiuliano alla guida del TG2

“Putin non piace alle élite occidentali che hanno tolto la sovranità ai popoli”
Via libera del cda Rai: Sangiuliano alla guida del TG2
31 ottobre 13:51 2018 Stampa

 

Via libera da parte del consiglio di amministrazione della Rai alle nomine alle testate proposte dall’ad Fabrizio Salini. Nel pacchetto la direzione del Tg1 a Giuseppe Carboni, quella del Tg2 a Gennaro Sangiuliano, il Tg3 a Giuseppina Paterniti, la Radio a Luca Mazzà e la TgR ad Alessandro Casarin.

Gennaro Sangiuliano è un attento conoscitore della società russa e allo stesso tempo un analista della parabola politica di Vladimir Putin, in patria e fuori. In occasione della presentazione della biografia “Putin, vita di uno zar” ha affermato: “ Putin non piace ad alcune élite finanziarie e bancarie, che si sono insediate al potere in quasi tutte le nazioni occidentali con un’operazione che ha tolto la sovranità ai popoli. Si tratta di quei potentati economici che si allearono con gli oligarchi che Putin ha cacciato e che pensavano di poter depredare la Russa.

Invito a leggere il richiamo agli scritti politici di Dostoevskij, quelli della rivista il «cittadino» e al discorso su Puškin del 1880, laddove l’autore dei Fratelli Karamazov analizza il rapporto fra élite e popolo. Dostoevskij si unisce a Puškin nella censura di quello che chiamano ceto dell’intelligencija, che “crede di stare di gran lunga al di sopra del popolo”, responsabile di aver alimentato una “società sradicata, senza terreno” e ne fustiga il comportamento “svincolato dalla terra del nostro popolo”».

Print this entry

  Categories:
view more articles

About Article Author